I 10 segreti dei monaci Shaolin per mantenersi in salute e vivere a lungo

Loading...

Ti chiedi cosa fare per mantenerti in salute e vivere a lungo? Segui i segreti dei monaci Shaolin per migliorare il tuo stile di vita e goderti una vecchiaia serena. I monaci Shaolin sono conosciuti in tutto il mondo per la loro capacità di vivere a lungo, godendo di ottima salute e in grado di praticare le arti marziali in maniera eccellente.

Un benessere dovuto a un approccio alla vita che tiene conto di corpo, cuore e mente e alle sinergie che tali entità possono sviluppare. I monaci Shaolin seguono una serie di regole che indicano loro come prendersi cura di se stessi, allenarsi senza provare dolore, ritrovare l’energia e raggiungere la serenità interiore per migliorare la salute e avere una vita lunga.

Cenni sui monaci Shaolin

I monaci Shaolin sono dei religiosi buddisti il cui tempio originario si trova in Cina, a 70 chilometri da Zhengzhan, capoluogo della provincia dell’Henan. Costruito nel 485 d.C., il tempio è situato ai piedi del Monte Santo Song Shan ed è completamente isolato dal resto del mondo. In questo luogo i monaci dedicano il loro tempo a preghiera, meditazione e pratica delle arti marziali.

In particolare, essi rispettano un codice gerontologico, basato sull’obbedienza e la disciplina. Tale codice è stato elaborato da un monaco Bodhidharma (chiamato anche Ta Mo), che arrivato nel tempio trovò i religiosi in uno stato di salute precario e per aiutarli insegnò loro il Buddhismo, la meditazione e alcune forme di arti marziali. Ancora oggi la vita quotidiana dei monaci Shaolin che comprende lo studio e la pratica del buddismo, del kun fu e di tutte le attività concernenti la gestione del tempio.

La loro giornata prevede la sveglia alle 5 del mattino, venti minuti dedicati al qi gong ovvero una serie di esercizi basati sulla meditazione, la concentrazione e l’esercizio fisico, cui segue un’ora di kung fu, la colazione e i lavori del tempio. Dopo il pranzo, è prevista un’ora di riposo e quindi altre tre ore di esercizi marziali e combattimento, un’ora e mezza di lezioni buddiste, la cena e un’altra ora di allenamento prima di andare a letto.

Regole monaci Shaolin

I segreti dei monaci Shaolin indicano come modificare le proprie abitudini relative a sonno, dieta, allenamento e igiene personale per mantenere corpo e mente sani.

1. Evita i cibi acidi, congelati e piccanti

I cibi acidi hanno conseguenze negative sullo spirito, mentre quelli congelati e piccanti tendono a incrementare gli stati infiammatori del corpo. I cibi acidi all’interno dell’organismo umano portano un’alterazione del ph dei tessuti e l’accumulo di tossine che possono determinare l’insorgere di molte malattie.

Per mantenerti sano è bene ridurre il consumo di legumi, carne, pesce, latticini, cibi raffinati, pane, caffè, vino, cioccolato e altri alimenti che manifestano reazioni acide. È importante anche limitare i cibi congelati, ricchi di conservanti e di quelli piccanti, che possono irritare e infiammare le mucose interne del corpo e generare gastriti, ulcere, lesioni di fegato e reni e problemi alle vie urinarie. Adottare un regime alimentare vegetariano a base di frutta e verdura fresca come i monaci buddisti può aiutarti a prevenire numerose patologie.

2. Non avere preferenze nei cibi e riduci la quantità di quello ingerito durante i pasti

Non devi avere dei cibi preferiti e seguire un’alimentazione variegata. Inoltre, durante la giornata devi mangiare riducendo gradualmente la quantità di cibo ingerita. L’ultimo pasto in questo modo deve essere quello più leggero. In base alle regole dei monaci, oltre ai tre pasti principali, è possibile fare due spuntini e la cena non deve avvenire mai dopo le 19.

3. Lavati spesso i denti

L’igiene orale è fondamentale per salvaguardare la salute di denti e gengive, eliminare batteri, tartaro e placca che possono determinare non solo carie e gengiviti, ma anche malattie a livello dello stomaco e infiammazioni.

4. Ingoia spesso la saliva

La saliva ricca di sali minerali e acqua ha una funzione igienica e antibatterica per la cavità orale, facilita la deglutizione e la fonazione. Inoltre protegge le pareti del cavo orale e la laringe dalle abrasioni e dai microrganismi introdotti con il cibo. La saliva agevola la digestione e le funzionalità dell’apparato digerente.

5. Sfregati spesso lo stomaco

Massaggiati lo stomaco per favorire le funzionalità del sistema digerente, evitare la formazione di aria nello stomaco, i gonfiori addominali e i dolori di pancia e facilitare lo svuotamento dell’intestino.

6. Sfregati spesso i piedi

I piedi sono ricchi di terminazioni nervose importanti per l’intero corpo. Stimolarle con un massaggio o sfregando gli arti inferiori aiuta a riattivare la circolazione sanguigna, prevenire l’ipertensione e ridurre la fatica e lo stress. Inoltre, contribuisce a eliminare i liquidi in eccesso presenti nel corpo e ridurre i gonfiori dei piedi.

7. Tieni calda la schiena

Mantenere la schiena calda aiuta a prevenire stati di raffreddamento e soprattutto infiammazioni alla colonna vertebrale e ai muscoli. Questa regola è simile a quella di indossare la maglia della salute, il cui scopo principale è quello di evitare reumatismi e dolori alle articolazioni.

8. Non stare seduto o in piedi troppo a lungo

Rimanere seduti troppo a lungo indebolisce i muscoli, per cui è importante alzarsi dalla sedia e fare una camminata o degli esercizi fisici per prevenire mal di schiena, dolori alle articolazioni, malattie cardiovascolari, l’obesità e il diabete, Naturalmente anche stare troppe ore in piedi è dannoso per le ossa, per cui è bene a intervalli regolari sedersi e distendere le gambe per far riposare la muscolatura.

9. Non dormire per più di otto ore

Dormire per troppe ore può avere ripercussioni sul cuore e anche sul cervello, mentre rimanere svegli a lungo danneggia il sistema nervoso. La soluzione migliore è dedicare al sonno non più di otto ore, tempo necessario al corpo di ricaricare le energie e affrontare con maggiore concentrazione la giornata.

10. Non allenarti dopo i pasti

Subito dopo aver consumato i pasti non bisogna dedicarsi all’attività sportiva, per non compromettere le attività di digestione dell’organismo e per consentire ai processi metabolici di trasformare il cibo introdotto in energia utile ad affrontare lo sforzo fisico.

Loading...

Lascia un Commento