Camminare Fa Bene E Fa Perdere Peso: Ecco come Farlo Stando A Casa

Loading...

Che cos’è la camminata

La camminata è un tipo di attività sportiva adatta a tutti che consiste nell’affrontare percorsi generalmente di media difficoltà, per migliorare la funzionalità di tutti i processi metabolici dell’organismo. Per stare bene infatti non è indispensabile frequentare una palestra e sottoporsi a stressanti e faticosi esercizi sportivi, ma è preferibile effettuare questa semplice pratica sportiva che oltre a tutto consente di vivere a contatto co la natura. Infatti l’ambiente ideale per camminare è rappresentato da un parco, dalla campagna, da un sentiero in montagna o anche dalla spiaggia del mare.

Ci sono due tipi di camminata, la passeggiata o la camminata veloce.
Nel primo caso il ritmo dei passi è piuttosto lento e l’apparato osteo-articolare e muscolare vengono coinvolti in maniera moderata; nel secondo caso invece il ritmo è sostenuto e si nota un maggiore interessamento dello scheletro e del sistema muscolare, con conseguente incremento nel consumo di calorie.

Pertanto la passeggiata è indicata per individui non allenati o comunque che si stancano facilmente, mentre la camminata veloce presuppone un certo allenamento preventivo.
Secondo le indicazioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sarebbe consigliabile camminare almeno un’ora ogni tre giorni per mantenere in salute l’organismo.
Questo schema è adatto anche per persone non allenate, mentre chi pratica abitualmente questa attività sportiva può affrontarla quotidianamente anche per 45-60 minuti.

Quali sono i benefici della camminata

I benefici della camminata interessano sia la sfera fisica che quella psichica.

Benefici fisici

– Miglioramento della funzionalità dell’apparato osteo-articolare in quanto camminare incrementa il processo di mineralizzazione delle ossa e diminuisce la probabilità di insorgenza dell’osteoporosi che è una patologia tipica della terza età soprattutto nella donna;
– miglioramento della funzionalità muscolare, durante questa attività sportiva i fasci muscolari interessati si mantengono tonici ed elastici consumando il glicogeno che è un carboidrato complesso di riserva;
– miglioramento della funzionalità cardiaca, la camminata è benefica per il cuore in quanto aumenta la frequenza del battito cardiaco e migliora la sua gittata, a livello sanguigno inoltre mantiene basso il contenuto di colesterolo prevenendo numerose patologie metaboliche;
– migliora il controllo dell’insulina, in quanto camminando questo ormone metabolizza in maniera migliore la concentrazione di zuccheri nel sangue prevenendo l’eventuale insorgenza di patologie croniche come il diabete;
– incremento della perdita di peso, la camminata veloce facilita la perdita di peso in quanto mobilizza gli accumuli di grasso corporeo e velocizza tutti i processi metabolici di tipo distruttivo (catabolismo);
– favorisce il riposo notturno, effettuando una moderata attività sportiva durante il giorno, l’orgnismo arriva al momento di coricarsi in condizioni ideali di stanchezza e questo abbrevia i tempi di addormentamento ed assicura un sonno tranquillo ed ininterrotto.

Benefici psicologici

– Diminuisce lo stress, camminando la mente risulta occupata da un’attività piacevole e quindi vengono allontanati tutti i pensieri stressogeni e le preoccupazioni;
– diminuisce ansia e depressione, secondo alcune ricerche scientifiche l’attività sportiva anche di grado moderato funziona come un ottimo antidepressivo naturale e diminuisce anche l’ansia e il nervosismo;
– miglioramento delle attività cognitive, secondo alcuni studi scientifici, la camminata, stimolando le funzioni cardiocircolatorie, incrementa il flusso di sangue al cervello migliorando conseguentemente tutte le funzioni cerebrali tra cui memoria ed apprendimento.

Come impostare correttamente la camminata

Nella camminata è fondamentale appoggiare bene il piede, in quanto tutto il peso corporeo ed anche l’assetto della colonna vertebrale dipende dal posizionamento della pianta del piede. La forza di gravità tende ad attirare verso il basso il peso corporeo, che quindi va a gravare sul piede; appoggiandolo in maniera corretta e muovendolo in modo regolare, si assicura un perfetto equilibrio alle articolazioni, non soltanto degli arti inferiori ma di tutto lo scheletro.

Il punto critico del corpo durante la camminata è rappresentato dal ginocchio che funziona come cerniera tra la parte inferiore e la parte superiore delle gambe. Una corretta postura deve tener conto anche del benessere del ginocchio, che è notevolmente condizionato dall’appoggio del piede.

Per assicurarsi quindi questi presupposti, è necessario scegliere una scarpa adatta, che deve avere un tacco di circa 4 centimetri, deve essere comoda ma non troppo larga per consentire al piede di essere avvolto in maniera ottimale senza fastidiose frizioni o attriti in nessun punto.
Qualora la camminata venga effettuata in estate sulla battigia è altamente consigliabile farla senza scarpe in quanto il piede nudo che appoggia direttamente sul terreno garantisce le migliori condizioni di benessere per tutto lo scheletro.

In commercio esistono delle scarpe da jogging studiate appositamente per la camminata, che devono essere scelte in base alle proprie esigenze particolari.
Bisogna poi ricordare che è necessario non fare passi troppo lunghi per non caricare esageratamente le articolazioni degli arti inferiori ed anche le anche, il cui lavoro deve essere moderato e in relazione al peso corporeo.
Camminare offre anche il notevole vantaggio di consumare una quantità di circa 100 150 calorie ogni mezz’ora, che facilita il dimagramento senza sbilanciare esageratamente il metabolismo corporeo.

Come camminare stando a casa

Non sempre è possibile effettuare una camminata all’aperto, pertanto per chi è costretto a rimanere in casa esistono alcuni semplice esercizi che assicurano i benefici della camminata pur non muovendosi dalla propria abitazione.

– Camminare sul posto

Si può scegliere un punto della casa che sia dotato di alcuni requisiti come una buona aerazione con flusso d’aria pura e continuativa, una giusta illuminazione e un certo isolamento acustico. Una volta individuato questo punto, dopo avere indossato le scarpe adatte si può incominciare a camminare stando fermi magari aiutandosi con una musica che conferisca ritmo alla camminata. Questa attività può essere continuata per circa 30-45 minuti ogni giorno.

– Tapis roulant

Il tapis roulant è un attrezzo di grande utilità che consente di camminare con modalità esattamente identiche a quelle di una camminata all’aperto senza muoversi dalla propria casa. Anche in questo caso è necessario dislocare l’attrezzo in un punto in cui sia garantito un ricambio d’aria per assicurare la corretta ossigenazione dei tessuti durante la pratica sportiva.

– Stepper

Si tratta di un attrezzo costituito da due pedane sopra cui devono essere posti i piedi. Il soggetto si attacca ad un manubrio ed incomincia a camminare stando fermo ed effettuando un lavoro principalmente a livello dei polpacci in quanto i pedali richiedono una certa forza per essere spinti verso il basso. In questo caso l’allenamento deve essere graduale poiché è richiesta una certa fatica fisica durante l’allenamento.

Loading...

Lascia un Commento