Tutti i benefici terapeutici delle noci

Che cosa sono le noci

La noce è un seme appartenente alla categoria della frutta secca che viene prodotta dalla pianta di Juglans regia. Anche se solitamente viene consumato come frutto essiccato, si può mangiare anche fresco che presenta una consistenza carnosa di colore verde.
Questa pianta è originaria dell’Asia mediorientale, ma si è poi diffusa in gran parte del mondo, tra cui anche l’Italia, dove viene coltivata nelle zone montuose fino a 1000 metri di altitudine.

La parte edibile del frutto è il seme, contenuto all’interno di un mallo non commestibile, di colore verde, internamente al quale si trova un endocarpo legnoso. Il seme è costituito da due gherigli di colore marrone, caratterizzati da un gusto dolciastro, da una consistenza croccante e da un aroma tannico, particolarmente intenso quando le noci non sono mature.
Le noci hanno un valore energetico particolarmente elevato e possono essere impiegate anche per ricavare un pregiatissimo olio di noce, particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi ma che per il suo costo estremamente elevato viene poco usato.

Quali sono le caratteristiche nutrizionali delle noci

Le noci sono caratterizzate da un elevato potere energetico che consente loro di essere assunte sotto forma di pochi grammi al giorno per consumare prevalentemente spuntini fuori pasto.
Le loro caratteristiche nutrizionali sono collegabili all’elevata percentuale di lipidi contenenti acidi grassi insaturi e polinsaturi, tra cui alcuni appartenenti alla categoria degli essenziali.

Secondo le più recenti linee guida, un elevato consumo di questo alimento potrebbe aumentare la percentuale degli elementi antiossidanti nell’organismo, riducendo sensibilmente l’incidenza di neoplasie e malattie all’apparato cardiovascolare.
Inoltre, le noci contengono una buona percentuale di proteine mentre hanno una limitata quantità di carboidrati. La loro concentrazione di fibre vegetali è abbastanza buona, e il contenuto di sali minerali è relativo alla presenza di calcio, fosforo, potassio e ferro, uniti alla vitamina B1.

<script type='text/javascript'>
var ml_partners_options = {
    "pn": 4475,
    "ids": "110769,163456,150420,116441",
    "bgcolor": "",
    "altezza": "250px",
    "larghezza": "",
    "params": "utm_source=partner&utm_medium=script_iframe&utm_campaign=widget-carousel"
};
</script>
<script type='text/javascript' src='https://plus.macrolibrarsi.it/assets/widget-carousel/js/macrolibrarsi.partners.js'></script>

Proprietà benefiche delle noci

A livello fitoterapico viene impiegato il mallo della noce, che è dotato di proprietà antinfiammatorie, depurative ed antisettiche, e che viene utilizzato per produrre il liquore nocino.
Alla noce sono attribuite anche proprietà astringenti determinate dall’elevato contenuto di tannini, e proprietà antifungine derivanti dallolio essenziale di juglone, di cui sono state analizzate le possibili proprietà antineoplastiche.

Infatti lo juglone sembra essere in grado di esplicare un’attività citotossica ed antiproliferativa verso cellule indifferenziate ed in rapida moltiplicazione come appunto quelle tumorali.
Poiché alcuni studi scientifici hanno invece riportato una potenziale azione mutagena dello juglone se impiegato in prodotti per uso topico, attualmente non è scientificamente provato alcun effetto terapeutico confermato con certezza.
In rapporto alla sua effettiva attività astringente, dovuta alla presenza dei tannini, la noce viene impiegata efficacemente in caso di eccessiva sudorazione. Per tale impiego si utilizza un decotto da applicare per uso esterno.

Effetti terapeutici della noce

In fitoterapia la noce viene utilizzata per contrastare un’esagerata secrezione di muco intestinale, in casi di infiammazione del colon, come nel caso del colon irritabile.
Inoltre viene indicata anche per disturbi dell’apparato respiratorio come bronchiti ed asma, oppure per contrastare gli attacchi di lombalgia e sciatalgia ed in caso di reumatismi.
Nella tradizione medica indiana, l’olio di semi di noce viene prescritto per risolvere le infestazioni intestinali da tenia, ed in generale in caso di coliche spastiche e dissenteria.
Anche in ambito omeopatico, la noce viene impiegata nella preparazione di granuli o gocce, particolarmente efficaci nei confronti di patologie a carico dell’apparato intestinale, comprendenti anche la pancreatite, e malattie epatobiliari.
In alcuni casi si sono rivelati estremamente benefici per la cura di proctite ed emorroidi.

Benefici contro il colesterolo

Le noci vengono prescritte per mantenere sotto controllo il livello di colesterolo ematico, che non deve superare il valore di 200 milligrammi per millilitro: quando la concentrazione di colesterolo nel sangue aumenta oltre tale soglia fisiologica, aumenta anche il rischio di patologie cardiovascolari.
Tale potere terapeutico delle noci dipende dal loro elevato contenuto di grassi polinsaturi, prevalentemente di tipo omega-6 ed in misura minore omega-3.
Secondo numerose ricerche scientifiche, tali composti sono particolarmente efficaci per contenere il livello di colesterolo LDL (porzione dannosa per il cuore e i vasi), mentre non alterano il livello della porzione HDL (colesterolo cosiddetto buono).

Questo effetto benefico dipende anche dall’elevata concentrazione di acidi grassi monoinsaturi, soprattutto dell’acido oleico. Inoltre, un prezioso nutriente che si trova nelle noci è l’arginina, un amminoacido precursore dell’ossido nitrico.
Questo composto agisce causando vasodilatazione e mantenendo elastiche e flessibili le pareti arteriose, prevenendo la formazione di placche ateromatose.

La presenza di vitamina E, contenuta abbondantemente nelle noci, agisce in maniera sinergica con i grassi omega-3 e con l’arginina, potenziandone le attività antiossidanti.
La notevole percentuale di fitosteroli che si ritrova nelle noci contribuisce a mantenere basso il livello di colesterolo, soprattutto quando questi frutti vengono consumati come deliziosi fuori pasto.

Altri benefici terapeutici delle noci

Secondo la Fondazione Umberto Veronesi, le noci oltre ad agire efficacemente nei confronti delle cellule tumorali, si rivelano degli ottimi alleati per ridurre l’incidenza di gravi patologie cardiache come infarto ed ictus.
Tali proprietà benefiche sono ricollegabili sia alla loro azione sul colesterolo, ma anche all’effetto vasodilatatorio a livello delle arterie, che contrasta eventuali episodi di ipertensione.
Le noci sono anche consigliate per coloro che soffrono di patologie croniche del ricambio come il diabete di tipo due, in quanto sono in grado di mantenere sotto controllo gli effetti secondari della patologia, riducendo i livelli di insulina a digiuno.

Per il loro elevato potere nutrizionale, accompagnato da un basso indice calorico, l’impiego delle noci è raccomandato nei regimi dietetici dimagranti. Anche in questo caso si può parlare di un benefico effetto terapeutico, poiché il sovrappeso viene considerato come uno dei principali fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, e più in generale per tutti i disturbi metabolici dell’organismo.

Secondo alcuni ricercatori, le noci possono prevenire l’insorgenza del tumore alla prostata e di quello al seno, mitigando gli effetti dei fattori di rischio che potenzialmente possono indurre modificazioni cellulari pre-tumorali.
Diversi studi hanno confermato che questi frutti contribuiscono a diminuire lo stress ossidativo che si verifica in tutti i processi di invecchiamento, pertanto sembra che il loro impiego sia efficace per prevenire patologie cerebrali come la malattia di Alzheimer.

Lascia un Commento