Riflessologia della mano: massaggia le dita in questo modo per avere benefici immediati

Loading...

Origine della riflessoterapia

Sapevi che massaggiando palmo, dorso e dita della mano stimoli gli organi interni del corpo? Attraverso la pressione delle zone riflesse, infatti, si ottengono risposte particolarmente vivaci da parte del sistema nervoso, al fine di alleviare disturbi acuti, patologie croniche e squilibri energetici. La tecnica del massaggio riflessogeno, propriamente detta riflessoterapia, fa parte della cosiddetta medicina alternativa non convenzionale.

Nello specifico, consiste nella localizzazione dei punti focali che si riflettono, come una vera e propria mappa, sulle mani e sui piedi. Sulla base di quanto codificato dal dottore americano William H. Fitzgerald, fondatore della riflessologia moderna, si ha una suddivisione delle zone del corpo in dieci linee verticali. La mappa longitudinale prevede una diramazione delle stesse linee dalla testa alle estremità, ed il collegamento degli organi nella loro esatta collocazione anatomica. Per cui, la mano destra riflette gli elementi anatomici della sezione destra del corpo umano, la mano sinistra i distretti corporei della sezione sinistra.

I benefici della riflessologia

Se ad ogni area della mano corrispondono strutture nervose, ghiandole, articolazioni, ossa e organi, attraverso la riflessologia palmare e plantare è possibile migliorare il quadro sintomatologico di numerose condizioni patologiche.

Il massaggio e la pressione in determinati punti delle mani, infatti, è benefico sia sulla psiche che sul corpo. Mentre allontana lo stress migliora l’umore, riducendo varie forme di malessere, dalle infezioni delle vie respiratorie alla sindrome del dolore cronico.

La riflessologia della mano è una valida alleata anche contro i sintomi della menopausa, per contrastare la cattiva digestione ed i disturbi legati all’ansia. In tali frangenti, le manovre di massaggio e pressione devono interessare le zone corrispondenti alle parti del corpo compromesse o dolenti, secondo la mappatura profilata nei primi anni del Novecento da Eunice D. Ingham, fisioterapista statunitense.

Il potere terapeutico del massaggio zonale si fonda su svariate teorie, secondo cui attraverso il massaggio alla mano viene stimolato il sistema linfatico, con conseguente eliminazione di tossine, e rilascio di endorfina, l’ormone dalle spiccate proprietà analgesiche. In base a tali presupposti, ne deriva un miglioramento della comunicazione nervosa e della circolazione sanguigna. Essendo una tecnica terapeutica complementare, tuttavia, la riflessologia palmare non è un esame diagnostico, nè si sostituisce alle cure mediche, ma funge da supporto, rivelandosi estremamente efficace.

Riflessologia palmare e automassaggio

Per trarre benefici dalla riflessologia, oltre che rivolgersi ai riflessologi esperti del settore, è possibile praticare un sano automassaggio. Prima di ogni cosa, impara ad ascoltare il tuo organismo. In tutti i casi in cui sono presenti sporadici dolori articolari alle mani, ed in seguito alla risposta dolorosa alla pressione su alcuni punti delle mani, esegui un massaggio mirato per alleviarne il fastidio.

In breve tempo il dolore scomparirà, lasciando spazio ad una piacevole sensazione di benessere. La riflessologia palmare applicata su se stessi può essere eseguita su entrambi le mani anche in condizioni normali, quando cioè si desidera donare al proprio corpo un istante di autentica armonia. Non esiste un orario specifico per l’esecuzione: il massaggio può essere praticato in qualsiasi momento della giornata, con una durata non inferiore ai 40 minuti.

Come svolgere un massaggio sulle zone riflesse della mano

Prima di procedere all’automassaggio abbi cura di avere le mani ben pulite e libere da indumenti e accessori ornamentali, quali anelli e bracciali. Per ottimizzare gli effetti della pressione su palmo e dorso, riscalda le mani attraverso una serie di esercizi motori, flessioni ed apposite estensioni.

La fase di preparazione è fondamentale per la buona riuscita del massaggio, non trascurarla. Subito dopo, individua il punto da trattare ed esercita con il pollice della mano opposta una pressione energica, accompagnata da una rotazione meccanica lenta ma profonda, possibilmente regolare e costante. Se ne senti il bisogno, prosegui salendo a spirale fino ai polpastrelli.

In questo modo, sposterai il pollice sugli altri punti di riflesso della mano. Se l’intensità della pressione ti crea fastidio diminuiscila, ma non perdere il ritmo e la costanza. Se senti dolore è sintomo di efficacia comprovata. Per rendere il massaggio più specifico, munisciti di una mappa dettagliata dei punti di riflesso.

I punti cardine della riflessologia palmare

I benefici connessi all’applicazione pratica della riflessologia, simili a quelli derivanti dall’agopuntura, sono mirati a riequilibrare l’organismo. Basti pensare che gli antichi Egizi praticavano questa tecnica come valido strumento di aiuto estemporaneo ed immediato per alleviare alcuni disturbi.

Ne sono testimonianza i reperti archeologici ritrovati nella necropoli di Sakkara. Se hai intenzione di praticare un massaggio zonale per avere risultati immediati, devi avere in mente la collocazione degli organi interni sul palmo della mano. Sommariamente, le dita corrispondono al capo, agli occhi, al naso ed alle orecchie. Alla base del palmo, e subito più in basso, si trovano i punti riflessi di cuore e polmoni, diaframma, stomaco, milza, reni, pancreas e vescica.

La corrispondenza con gli organi sessuali si trova all’altezza del polso, precisamente fra la parte inferiore della mano ed il polso stesso. Gli arti hanno la loro zona riflessa sul dorso della mano, precisamente sotto il dito mignolo. Sul dorso del pollice, invece, vi è la corrispondenza con la colonna vertebrale.

Il massaggio alle dita per alleviare stress e dolore

Massaggiando le dita della mano riscopri il benessere di tutto il corpo. Se soffri di ansia e ricerchi la cama dei battiti cardiaci, stimola attraverso la digitopressione il pollice. Premere su questo dito è utile anche in caso di emicrania. La pressione del dito indice ha effetti positivi in caso di problemi allo stomaco ed al colon, quali bruciore, stipsi e dissenteria.

L’automassaggio con pressione sul dito medio aiuta in caso di insonnia e vertigini, con benefici effetti anche in caso di nausea gravidica e dolori mestruali. I punti riflessi dell’anulare corrispondono principalmente all’intestino. Stimolarli aiuta anche dal punto di vista emotivo. Esegui un massaggio sul quarto dito se stai cercando di reagire ad una delusione e intendi allontanare il pessimismo. Massaggiare il mignolo ti aiuta in caso di mal di testa e dolori al collo.

Loading...

Lascia un Commento